Hai pensieri negativi? Cammina nella natura

aanature slider

www.repubblica.it

di Alessandra Borella



Rimugini troppo? Ti basta camminare in mezzo alla natura
Un ricercatore di Stanford ha studiato la riduzione dei pensieri negativi nel cervello di chi ha passeggiato in un parco, circondato dal verde, rispetto a chi invece lo ha fatto in mezzo ai palazzi cittadini

rimugini camminaI BENEFICI della natura non smettono di stupire. Mentre quelli della camminata sono noti già da un pezzo. In questo caso è sufficiente metterli insieme: un sentiero in mezzo al bosco, un parco in città. Ovunque purché ci sia del verde che ci faccia dimenticare lo stress urbano. Poi, il gioco è fatto. Basta passeggiare e i pensieri negativi si riducono sensibilmente.

rimugini camminaGregory Bratman, dottorando in biologia all’Università di Stanford, ha condotto una ricerca pubblicata sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences: 38 persone che vivono in zone urbane e che risultano senza precedenti di disturbi mentali sono state suddivise in due gruppi e invitate a camminare per 90 minuti; 19 di loro hanno passeggiato in un’area naturale vicino al campus di Stanford, l’altrà metà ha camminato lungo una strada molto trafficata nel centro di Palo Alto.

rimugini camminaPrima e dopo la passeggiata, le persone hanno compilato un questionario sofisticato per indagare la loro tendenza a “rimuginare”, una riflessione fatta di pensieri negativi autoreferenziali che innescano un circolo vizioso: più si rimugina più è difficile scacciarli e così si aumenta il rischio di depressione. Questo processo mentale si scova con domande del tipo: “La mia attenzione è spesso concentrata su aspetti di me stesso che vorrei smettere di pensare” e “Trascorro molto tempo a pensare ai momenti del passato in cui mi sono sentito male e arrabbiato”.

rimugini camminaPoi, sia prima sia dopo la camminata, le ‘cavie’ dell’esperimento si sono sottoposte a una scansione del cervello: è stata esaminata una regione cerebrale chiamata ‘corteccia pre-frontale subgenuale’, un’area che è stato dimostrato essere molto attiva mentre si fanno pensieri negativi su se stessi e si mettono in atto comportamenti rinunciatari. Questa è anche l’area interessata quando si verificano fenomeni depressivi e di ciclotimia (sbalzi di umore).

rimugini camminaIl gruppo di persone che aveva camminato in mezzo alla natura ha dato risposte differenti rispetto a quelle segnate 90 minuti prima, dimostrando di avere avuto una diminuzione sostanziale delle ‘riflessioni negative’ e anche il test medico-scientifico ha supportato la tesi: nella zona cerebrale interessata era diminuita l’attività neurale.

rimugini camminaQuesto può aprire nuove frontiere nello studio di attività che utilizzino l’immersione nella natura come terapia. È dimostrato che l’urbanizzazione (il 50% della popolazione del pianeta vive in città) è una delle cause che ha portato all’aumento del numero di persone che soffrono di disturbi mentali.

rimugini camminaLa letteratura scientifica che si occupa dei vantaggi per la salute (mentale e fisica) procurati da una prolungata ‘esposizione’ al paesaggio naturale è in crescita. Sembra che basti guardare una fotografia per pochi secondi per percepirne già i benefici. È una recente ricerca di Kate Lee e alcuni colleghi dell’Università di Melbourne pubblicata su Environmental Psychology.

rimugini camminaSe interrompiamo un compito che ci mette in difficoltà con un ‘micro-break’ di 40 secondi trascorsi a guardare l’immagine di un giardino verde, le nostre performance miglioreranno. Dunque, la natura da un lato ci aiuta a liberare la mente da pensieri negativi, dall’altro ci aiuta a recuperare l’attenzione e la concentrazione.

loading…


Authors

Related posts

Top Fatal error: Call to undefined function is_product() in /web/htdocs/www.spavalda.it/home/wp-content/plugins/woocommerce-google-dynamic-retargeting-tag/wgdr.php on line 298