Per rimanere “in forma” togliti le scarpe prima di entrare in casa

aaafeet sli

www.huffingtonpost.it



Per rimanere in forma toglietevi le scarpe prima di entrare in casa (parola di scienziati)

Secondo un nuovo studio, questo semplice gesto contribuisce a ridurre il numero di “obesogeni” con cui ogni giorno entriamo in contatto

By Ilaria Betti

aaafeet vPuò un semplice gesto, come quello di toglierci le scarpe prima di entrare in casa, aiutarci a rimanere in forma? A quanto pare, sì. Stando ad una nuova ricerca, presentata all’European Society of Endocrinology di Barcellona, in questo modo ridurremmo l’impatto dei cosiddetti “obesogeni” o interferenti endocrini, sostanze chimiche che favoriscono l’obesità. Queste componenti, studiate da tempo, interferiscono con gli ormoni e inducono il nostro corpo ad immagazzinare i grassi.

I ricercatori della University of Beira Interior del Portogallo hanno cercato di individuare gli obesogeni con cui entriamo più spesso in contatto. Dai test è emerso che la dieta, la polvere, i prodotti per le pulizie che utilizziamo ogni giorno, tra cui anche quelli per l’igiene personale come i cosmetici, sono i più grandi “portatori” di queste componenti chimiche.

aaafeet v manEcco allora che togliere le scarpe prima di entrare in casa – evitando di sporcare l’ambiente e di dover poi utilizzare prodotti per le pulizie – si rivela un ottimo modo per ridurre il numero di obesogeni presenti nelle nostre abitazioni. Gli studiosi danno poi altri consigli, come quello di rimuovere i tappeti per non generare troppa polvere, di scegliere solo cibi freschi e potenzialmente privi di pesticidi.

“Sono piccoli passi per raggiungere uno stile di vita libero da obesogeni – ha affermato l’autrice dello studio, la dottoressa Ana Catarina Sousa -. Possono essere un buon inizio. Essenzialmente quello che consigliamo è: state attenti alla vostra dieta e cercare di ridurre la polvere in casa”. “Gli adulti ingeriscono circa 50 mg di polvere ogni giorno, i bambini quasi il doppio, quindi tenere pulita la propria abitazione è un’ottima misura da adottare”.

aaafeet 2Per il dottor Peter Jenkinson, tossicologo alla Consultancy for Environmental & Human Toxicology and Risk Assessment, intervistato dal Telegraph, “non c’è alcuna prova del fatto che seguire alla lettera queste raccomandazioni possa in qualche modo ridurre l’obesità”. Per i ricercatori, invece, i consigli sono da seguire per prevenire il problema o per alleviarlo.

Il termine “obesogeno” è stato coniato nel 2006 da Felix Grün e Bruce Blumberg, ricercatori della University of California, Irvine. Sta ad indicare una componente chimica in grado di distruggere il normale equilibrio del metabolismo dei lipidi, capace di alterare l’omeostasi lipidica e l’immagazzinamento di grassi, di modificare anche la regolazione dell’appetito e del senso di sazietà. Esempi di queste componenti chimiche, da rintracciare nella vita di tutti i giorni, sono l’atrazina, talvolta presente nell’acqua del rubinetto, i pesticidi, l’arsenico, gli ftalati, rintracciabili in alcuni cosmetici, il teflon e PFOA (acido perfluoroottanoico) nelle padelle, il bisfenolo A nella plastica.

loading…


Authors

Related posts

Top Fatal error: Call to undefined function is_product() in /web/htdocs/www.spavalda.it/home/wp-content/plugins/woocommerce-google-dynamic-retargeting-tag/wgdr.php on line 298