Pranzo di Natale: gusto e leggerezza, scopri le ricette

www.humanitasalute.it

di  Prof.ssa Daniela Lucini




Un pranzo di Natale all’insegna della leggerezza e nel rispetto della salute. Nessun sacrificio: le ricette proposte dalla professoressa Daniela Lucini, responsabile della Sezione di Medicina dell’esercizio dell’ospedale Humanitas, sono gustose, profumate e stuzzicanti.

«Il Natale è la festa della convivialità, in famiglia o con gli affetti più cari. Un momento da vivere a tavola, in compagnia, senza apprensione o sensi di colpa per quello che si mangerà. L’importante è consumare un pasto leggero e se il pranzo di Natale è stato un po’ più abbondante, allora scendiamo in strada e facciamo una breve passeggiata!», suggerisce la specialista.

Pochi grassi e cotture più sane: i segreti del pranzo di Natale light

Si comincia da un’insalata russa con yogurt come antipasto, con un basso contenuto di calorie e di grassi.

Si continua con il primo, un piatto tradizionale ma rivisitato: gnocchetti con gamberi. Grazie all’impiego dei gamberi nella preparazione dell’impasto degli gnocchi, si otterrà un piatto dal sapore più leggero con un importante apporto proteico.

Per secondo protagonista la carne bianca, cotta in modo più salutare. «A differenza della carne rossa la bianca è più magra. Dal momento che i grassi si trovano in particolare nella pelle, eliminandola si può ulteriormente ridurne l’introito», dice la professoressa. E così ecco in tavola per il pranzo di Natale un meraviglioso petto di tacchino brasato: la cottura al forno eliminerà i condimenti e ridurrà ulteriormente l’introito di grassi.

Dolce e frutta, per finire, e in un solo piatto. Una millefoglie di mele disidratate con crema di yogurt alla vaniglia, leggera come tutto il menù del pranzo di Natale grazie allo yogurt magro e a una quantità inferiore di zucchero nella creme per via delle mele.

Anche nelle feste di Natale è bene seguire una dieta equilibrata
Per non appesantirsi troppo al pranzo di Natale meglio «evitare i bis, mangiare porzioni più contenute e scegliere tra le bollicine del brindisi e l’ammazza-caffè o i digestivi. Per il resto delle feste basta seguire un’alimentazione varia ed equilibrata: frutta e verdura, proteine magre e pochi carboidrati, meglio se integrali», conclude la professoressa Lucini.

loading…


Authors

Related posts

Top Fatal error: Call to undefined function is_product() in /web/htdocs/www.spavalda.it/home/wp-content/plugins/woocommerce-google-dynamic-retargeting-tag/wgdr.php on line 298