Patty Pravo, icona e diva spavalda

patty pravo slider

Nicoletta Strambelli, cantante, in arte Patty Pravo, ha attraversato 5 decadi di successi e venduto oltre 110 milioni di dischi. Diva incontrastata della musica italiana, con la sua voce conturbante e seducente ha fatto innamorare generazioni di ammiratori appassionati. Il suo look sofisticato, libero ed al di sopra delle mode l’ha resa un’intramontabile mito da adulare ed un’icona di stile. Lavoratrice instancabile ha trascorso l’estate 2015 in tour nelle principali località italiane e terrà l‘ultimo concerto il 19 sett a Siracusa. A breve un nuovo disco con 12 inediti, al quale seguirà il tour nei principali teatri d’Europa. 

patty pravo stileLei è famosa anche per il suo look. Come ha trovato il suo stile?

So che può sembrare una risposta da Diva, ma posso solo dire di esserci nata. Non ho mai cercato uno stile per un momento, per delle situazioni o per interpretare delle canzoni. Semplicemente sono io che muto secondo le circostanze ma restando sempre me stessa.

La bellezza è un dono, un lavoro o un peso?

E’ un dono.

patty pravo bianco e neroCome mantenere il proprio successo quando i gusti musicali si rinnovano continuamente?

Bisogna seguite l’istinto.

Fatica a mantenere un’immagine raffinata in un mondo che sembra prediligere la volgarità?

La ringrazio, ma torniamo sempre al fatto di apparire ed essere come ci si sente.

patty pravo anni 60Negli anni è cambiata come donna?

Interiormente penso che negli aspetti fondamentali non si cambi, si muta, si migliora, si è più saggi, ma il carattere non cambia. Ho sempre mantenuto gli stessi difetti e gli stessi pregi.

Quali sono i suoi talenti ed i suoi difetti?

Forse il difetto più grande è il mio maggior talento! Ma mi è difficile pensare ai miei talenti. Forse la sensibilità nella musica… forse quando sono sul palcoscenico. E probabilmente nella vita non ho quella stessa sensibilità che dimostro come artista.

Si ricorda la prima ruga?

No, non mi ricordo la prima ruga (sonora risata) mi ricordo invece quando con i miei musicisti rockettari ci mettevamo dei piccoli cerottini sulla fronte non per coprirle ovviamente, perché eravamo giovanissimi, ma per non farle venire…dicevamo!!! Lo avevo imparato da Ursula Andress!

patty pravo Cosa fa per mantenersi così in forma?

Intanto ringraziamo la mamma, poi faccio danza tre volte alla settimana.

Gli anni che passano cosa le hanno dato e cosa le hanno tolto?

Ci rifletterò più avanti, quando non avrò più niente da fare e resterò seduta da una parte a guardare il mare…

Come si dimostrano 20 anni di meno?

Penso dipenda tutto dalla carica interiore che si ha. Ci sono donne splendide a 50 anni e anche oltre…basta esserne consapevoli.

patty pravo bernsteinSe non fosse stata una cantante e musicista cosa avrebbe voluto fare e chi avrebbe voluto essere?

Avrei voluto fare la direttrice d’orchestra, anche perché avevo studiato per questo con il Maestro Ettore Gracis al Conservatorio Benedetto Marcello di Venezia. Avevo un amore per Leonard Bernestein che trovo sia stato grande come direttore, come compositore, come pianista. Un genio universale come lo definiva Arthur Rubenstein. Io, ai musicisti con i quali collaboro, faccio vedere il dvd delle prove del musical “West Side Story“ dove Bernestein dirige artisti e musicisti con genialità unica. Il Piper mi ha portato fuori strada, anche se è stato un fuori strada piacevole!

Quali sono gli ingredienti principali per una carriera lunga come la sua?

Non esistono ingredienti, perché io non ho fatto e non faccio assolutamente nulla per fare carriera. Anzi l’ho quasi ostacolata!

Quali consigli darebbe ad una giovane cantante in cerca di successo?

Bisogna non mollare e farsi “tanto culo” studiare, lavorare dal vivo il più possibile. E poi bisogna trovarsi al posto giusto nel momento giusto. Oggi, che c’è tanta offerta, per un giovane è ancora più difficile anche solamente essere ascoltato, trovare il discografico giusto e questo è un peccato. Io, per esempio, se non avessi incontrato Alberico Crocetta, probabilmente non sarei Patty Pravo, ma una direttrice d’orchestra.

Qual e’ la lezione di vita più importante che ha imparato?

Non ho ancora avuto lezioni di vita, la mia vita è una lezione continua, che però probabilmente non ascolto.

patty pravo specchioChe rapporto ha con lo specchio?

Non sono una che si guarda tanto allo specchio.

La sua permanenza in gioventu’ a Londra cosa ha significato per lei?

La prima volta che sono andata a Londra, ci sono rimasta solo tre giorni perché sono andata al Piper. Poi ci sono tornata spessissimo, appena potevo, perché l’aria musicale che si respirava era quella che a me piaceva. I locali tipo il Marquee, o l’Ufo Club erano i simboli della scena underground londinese. Ci suonavano i Pink Floyd, gli Yarbirds con Eric Clapton, gli Who, David Bowie, Rod Stewart, i Led Zeppelin, Brian Auger. Frequentarli mi dava entusiasmo, libertà. Alcuni di loro sono anche passati dal Piper. Con gli Who feci anche una tournée. A Londra come ti muovevi sentivi la musica di tutto il mondo. Poi significava anche potermi vestire come mi divertiva ed essere libera!

Che rapporto ha con il cibo?

Mangio semplicemente quello che ho voglia di mangiare.

E’ vero che accudisce degli uccellini nel suo terrazzo?

No, accudire non direi. Piuttosto “parlo” quando capita… come si “parla” con le piante. Adesso, per esempio, c’è un gabbiano ospite abituale.

patty pravoPerche’ ha postato su facebook le sue foto in topless?

Non sono state foto volute, cercate. Me le hanno scattate a livello amatoriale, mi sono sembrate carine e le ho postate come un gioco. Poi non è la prima volta che escono mie foto in topless.

Si ricorda una cosa spavalda che ha fatto nella vita?

Ne ho fatte talmente tante che non mi ricordo una in particolare ma le mie foto in topless a molti è sembrato un gesto spavaldo.

 

 

Top Fatal error: Call to undefined function is_product() in /web/htdocs/www.spavalda.it/home/wp-content/plugins/woocommerce-google-dynamic-retargeting-tag/wgdr.php on line 298