Foilyage: il balayage effetto 3D scelto da Beyoncé

www.vanityfair.it

di LAURA SCAFATI



Difficilmente cambia colore dei capelli. Al massimo trasforma il suo biondo passando da toni più frosty a quelli più caldi. La sua tecnica? Il foilyage, che a detta della sua colorista le conferirebbe un aspetto del tutto naturale. Ecco i suoi beauty tips per realizzarlo

Non ha mai fatto grandi stravolgimenti cromatici al pari di Kim Kardashian, Katy Perry o altre sue colleghe di riflettori. Beyoncé sembra essere piuttosto fedele al suo biondo, ma i più attenti si saranno accorti che nel tempo, la cantante non ha ma mai mantenuto lo stesso tono, ma dal cream soda è passata al color caramello poi al miele, e così via.

Eppure, nonostante queste continue variazioni sul tema, la sua chioma mantiene sempre un bell’aspetto. A confermarlo è la sua stessa colorista, Rita Hazan, che in un’intervista a Refinery29 ha dichiarato che il segreto delle sue trasformazioni a tema biondo si nasconde nel foilyage, una tecnica importata dall’America già un paio di anni fa, e che ruba al più popolare balayage la creazione dei riflessi luminosi sulle lunghezze, ma con un risultato ancor più brillante e senza danneggiare troppo il capello (a eccezione di alcuni casi).

La tecnica prevede di avvolgere le lunghezze in fogli di alluminio grazie ai quali il riflesso si intensifica sortendo un effetto più luminoso. Inoltre, stando alla Hazan, il risultato, dall’effetto naturale, durerebbe per mesi. Un bel risparmio di tempo (e anche di denaro). Ecco i suoi consigli per mantenere un biondo alla Queen Bey.

1) Se la tecnica viene utilizzata per schiarire, essa è meno aggressiva sul capello perché non vengono usati volumi elevati per decolorare. Ovviamente dipende dal capello, ma stare tra i 20 e i 40 volumi basta per ottenere un bel risultato. Utilizzarne di più elevati alla lunga può danneggiare il capello. Meglio fare attenzione.

2) Come nel balayage, anche la tecnica del foilyage permette di creare dei riflessi senza stacchi netti regalando alla chioma un effetto più naturale e tridimensionale con una continuità tra radici (che non vengono toccate) e lunghezze. Nel caso della chioma della cantante, ad esempio, – spiega la Hazan – se vengono ricreate delle sfumature più calde intorno al viso, a metà lunghezza, vicino alle orecchie, verranno creati riflessi più chiari per dare movimento al tutto.

3) Il foilyage è utilizzato principalmente per le variazioni di tono sulle chiome bionde – da quello icy al caramello – , ma questo non vuol dire escludere le teste più scure. L’importante è enfatizzare il riflesso, in modo che si possa notare la tridimensionalità data dal colore, ma stando attenti a non ottenere un effetto troppo massiccio.

4) Il foilyage può essere utilizzata per tutti i tipi di colore e texture divertendosi a giocare con i riflessi per ottenere il risultato desiderato. Unica accortezza per le chiome ricce. Solitamente è meglio colorare in modo più accentuato per creare profondità e dimensione perché i capelli ricci non hanno la stessa andatura ondulata su tutta la chioma.

loading…


Authors

Related posts

Top Fatal error: Call to undefined function is_product() in /web/htdocs/www.spavalda.it/home/wp-content/plugins/woocommerce-google-dynamic-retargeting-tag/wgdr.php on line 298