Consumo di frutta e verdura legato ai cambiamenti nel colore della pelle

tecnomedicina.it



Il colore della pelle nei giovani uomini caucasici è fortemente legato agli alti livelli di consumo di frutta e verdura, ha trovato una nuova ricerca dell’Università di Curtin.
La ricerca, pubblicata sul “Journal of Nutrition and Intermediary Metabolism”, suggerisce che il colore della pelle può essere un chiaro indicatore di una maggiore assunzione di frutta e verdura. Ciò è dovuto alla presenza di composti colorati chiamati carotenoidi, che si trovano in una vasta gamma di frutta e verdura.
La dottoressa Georgia Bixley, della scuola di sanità pubblica della Curtin University, ha affermato che la ricerca ha scoperto un nuovo modo di valutare il consumo di frutta e verdura da parte di qualcuno.
“Lo scopo del nostro studio era determinare se vi fosse un legame tra consumo di frutta e verdura, assunzione di carotenoidi e colore della pelle gialla nei giovani caucasici, poiché gli uomini australiani sono generalmente noti per consumare meno frutta e verdura rispetto alle donne”, ha detto la Bixley.
“Siamo stati in grado di trovare questa connessione attraverso un processo chiamato spettroscopia di riflettanza (RS), una tecnica emergente che misura il colore e l’intensità della luce riflessa sui pigmenti della pelle.
“La nostra ricerca ha rilevato che diverse posizioni corporee tra cui fronte, bicipite, palmo e pianta dei piedi su uomini con pelle chiara sono stati i migliori predittori di assunzione di frutta e verdura”.
Lo studio ha valutato il colore della pelle di 30 uomini caucasici, di età compresa tra i 18 e i 30 anni, che vivono a Perth.
La co-autrice, la dott.ssa Karin Clark, anch’essa della Curtin’s School of Public Health, ha spiegato che sono necessarie ulteriori ricerche per esaminare la relazione, ma i risultati potrebbero essere di interesse per nutrizionisti e operatori sanitari in Australia.
“Due terzi degli australiani sono attualmente sovrappeso o obesi, con solo una persona su 20 che consuma le dosi giornaliere consigliate di frutta e verdura”, ha detto la dott.ssa Clark.
“La nostra ricerca potrebbe svolgere un ruolo chiave nell’identificare le persone che hanno un basso consumo di frutta e verdura e capire meglio il loro più alto rischio di malattie croniche. Effettuando ulteriori ricerche su questa connessione, potrebbe aprire la possibilità di poter prevedere l’assunzione di frutta e verdura di qualcuno dal loro colore della pelle, piuttosto che fare affidamento su di essi per ricordare ogni pasto che mangiano.”

loading…


Authors

Related posts

Top Fatal error: Call to undefined function is_product() in /web/htdocs/www.spavalda.it/home/wp-content/plugins/woocommerce-google-dynamic-retargeting-tag/wgdr.php on line 298